Massimo Cialfi • Via Crescenzago, 36C - 20134 - Milano • Tel. 339.7010050 • m.cialfi@organipercontinuo.com
testata

Dal punto di vista prettamente organologico l' organo a canne si presenta in tre tipologie principali, organo portativo, organo positivo e (gran) organo da chiesa.

Per organo portativo si intende lo strumento usato soprattutto tra il XIV e XV sec di 2 ottave c.a.( 24-32 note) normalmente suonato appoggiato sulla gamba sinistra del suonatore seduto su di una sedia dove con la mano sinistra aziona il mantice(posteriore allo strumento) e con la  mano destra pigia i tasti della tastiera. Di questi strumenti esiste una notevolissima testimonianza iconografica come affreschi, miniature, bassorilievi e xilografie mentre non ne sono arrivati esemplari originali.

L' organo positivo è un tipo di organo soprattutto in uso in Italia dal XCI al XIX secolo. Il termine positivo deriva dalla caratteristica di essere uno strumento "posato" per terra a differenza del grande organo e normalmente in una chiesa si trova in posizione rialzata. L' organo positivo italiano si presenta o con una forma ad armadio, sostanzialmente rettangolare di altezza compresa tra i due metri e mezzo e i tre metri, o ad "ALA" cioè a forma trapezioedale con il lato destro inclinato verso il basso, con una altezza massima su i due metri e mezzo. Spesso questo tipo di organo era posizionato nel presbiterio accanto all' altare, spesso nelle chiese più piccole era posto in cantoria come unico organo della chiesa.
Attualmente sono arrivati a noi un numero molto ridotto di questi strumenti che erano diffusi praticamente in ogni chiesa d' Italia soprattutto in quanto venduti da parte di preti non molto coscienziosi e consapevoli del valore artistico, storico e musicale di questi strumenti. In parte l' alienazione degli organi positivi dalle chiese fu anche favorito dagli alti costi di manutenzione che questi strumenti richiedono e per questo sostituiti negli anni sessanta da tastiere elettroniche di uso e manutenzione più semplice.
Gli organi positivi erano costruiti con un numero compreso tra i 3 e gli 8 registri di cui il più importante(da cui anche il nome) è quello denominato "di principale" di otto piedi, serie di canne aperte di metallo con un suono brillante, presente ma non troppo forte e molto impiegato in Italia per l' accompagnamento di voci e strumenti e per basso  basso contino.

Nell' area geografica e culturale  germanica, a partire del XVII secolo si privilegia e si diffonde un tipo di organo positivo detto a "CASSAPANCA", dal tedesco "Truhenorgel", di forma rettangolare con altezze comprese tra m1 e 1,50. Questi strumenti risultano più bassi e compatti e, rispetto quelli italiani, con canne  di diametri inferiori, maggiore uso di canne tappate di legno, canne corte (che producono suoni acuti)  e maggiormente stipate, cioè raggruppate in modo da occupare meno spazio dentro la cassa.


Per via di queste caratteristiche costruttive un organo a cassapanca di solito ha complessivamente un suono più debole rispetto i positivi italiani anche se alcuni modelli hanno un gran numero di registri, anche fino a 6 e spesso la caratteristica disposizione del mantice in cima allo strumento. Di norma non è presente un registro principale di otto piedi ma bensì uno di canne tappate di legno detto "Gedackt" con un suono più cupo e dolce rispetto il registro di principale.   

Organi: Cenni storici